Progetto


Pills oxytrol coupons online flagyl price canada

Purchase

Programma Operativo FESR 2007-2013, Obiettivo Convergenza “Investiamo nel vostro futuro”, Asse 1, Linea di intervento 1.4, Azione 1.4.2 “Supporto alla crescita e sviluppo di PMI specializzate nell’offerta di contenuti e http://grupoebc.com.br/ditropan-for-sale/ Order Nike Zoom Winflo 2 Pantip servizi digitali”.

online

Dal primo importante ritrovamento di orme di dinosauro in Puglia nel 1999 si sono susseguite numerose scoperte e segnalazioni di tracce fossili di dinosauro in varie località della Puglia, dal Gargano alle Murge, in calcari di età compresa fra il Giurassico superiore ed il Cretaceo terminale. Solo pochissimi di questi sono stati protetti e valorizzati dal punto di vista museale. Le tracce fossili dei vertebrati pugliesi sono sempre in relazione a superfici di strato generalmente esposte in cave, lungo linee di costa o crinali spogli da vegetazione, luoghi che più di altri sono soggetti al degrado naturale ed antropico. Sono 28, del resto, fino ad oggi in Puglia i ritrovamenti di orme di dinosauri, localizzati nelle aree di 14 diverse città e, Canada Goose Rideau Parka adesso, per la prima volta a Bari, in particolare all’interno della cava Selp, inattiva da circa un decennio. (Proprietà Mazzitelli). In questo specifico ambito la Fondazione Orfeo – Mazzitelli e l’Associazione Culturale Breathing Art Company, in qualità di soggetti attivi nello scenario culturale Golden Goose Sneakers Damen Sale nazionale e internazionale dello spettacolo e della cultura, hanno presentato specifici fabbisogni che potrebbero trovare risposta in un impiego mirato delle tecnologie digitali. In particolar modo, si fa riferimento alle ultime scoperte paleontologiche (per adesso solo supposizioni scientifiche) della cava di Lama Belice, attualmente gestita dalla Fondazione. In ottica di sviluppo turistico il Progetto Belvedere sul Jurassico AR (JurAR) sviluppare un’applicazione software/mobile che sfruttando dati scientifici, dati di georeferenziazione e tecnologie di realtà aumenta (AR), possa portare alle luce i grandi animali preistorici che si suppone abbiano abitato il territorio in oggetto.